Con gli scout nel ventre del Monte Acquapuzza

A dire il vero il programma era un altro, ho indirizzato i ragazzi verso il Monastero di San Luca a Guarcino (FR), dove hanno alloggiato, per poi portarli la domenica nella omonima grotta.

Non è la prima volta ce ci vado, il posto è bello e accogliente e per raggiungere la grotta a piedi non sarebbe stato un problema, perché la grotta si trova praticamente sotto la struttura religiosa, purtroppo però una suora, non saprei dire se fosse la direttrice o la superiora od altro, ci ha impedito il passaggio adducendo motivi di sicurezza e responsabilità.

Vane sono state le mie rassicurazioni, i ragazzi sono assicurati e sono comunque abituati a percorsi di montagna, inoltre si sono rivolti a speleologi esperti e autorizzati dai genitori, cosicché per rispetto del luogo e delle regole, insegnamento che viene rivolto soprattutto agli scout, ringraziamo dell’ospitalità, raccogliamo le nostre cose e ce ne andiamo.

Approfitto quindi per ribadire a tutti gli speleologi ed amanti della natura, se volete andare alla GROTTA DI SAN LUCA non siamo più graditi, come hanno tenuto a specificare, dalla fonte a Filette è tutta proprietà del monastero ed anche passare dal bosco o comunque da vie alternative è vietato.

Per ringraziare invece l’ottima ospitalità dei ragazzi giovedì scorso, durante la video lezione di speleologia presso la loro sede, addirittura con i pasticcini, pure noi abbiamo comprato dei biscotti al cioccolato tipici della zona, che però sono diventati un regalo di scuse per il contrattempo.

Dopo una rapida consultazione e grazie al fatto che avevamo una seconda auto 7 posti, riusciamo a salvare la gita dirigendoci verso Latina Scalo e dopo circa un’ora e mezza raggiungiamo il Monte Acquapuzza e le sue grotte.

Pranziamo presso la fonte sulfurea, sotto un tiepido sole, lontani dall’umido bosco montano di San Luca, i ragazzi sono entusiasti e ben presto entriamo nella grotta di Fiume Coperto.

IMG_2968mod 

Incontriamo subito l’acqua, sulfurea e quindi il caratteristico odore ci accompagnerà tutto il tempo, le pozze sono piene costringendoci a passaggi più o meno atletici e/o angusti, raggiungiamo tutti il laghetto finale della grotta.

IMG_2973

IMG_2984

 IMG_3031mod

IMG_3032mod

Usciti a rivedere il sole e di nuovo in un’altra grotta piccolina, quella del Laghetto Sulfureo.

Giunti alle macchine ci riposiamo un poco, incontriamo il proprietario del Ristorante La Catena, dinanzi il quale abbiamo parcheggiato e ci racconta un po’ la storia del luogo accompagnandoci anche davanti alla terza ed ultima grotta, quella Della Cava, ed anche qui tocchiamo il fondo e facciamo una foto di gruppo.

IMG_3053mod 

…e poi ancora tutti al sole.

IMG_3066mod

Dopo esserci cambiati e aver fatto merenda, io e Rosa andiamo al ristorante per salutare il proprietario e cosi rimediamo in regalo anche un paio di bottiglie d’acqua, che hanno irrorato le aride ugole dei ragazzi e non solo.

Però una sorpresa ci attende i ragazzi ci fanno un dono, due bellissime tavolette disegnate da loro e firmate come ringraziamento della bella gita, è la prima volta che succede in tanti anni di grotte con gli scout, ringraziamo e baciamo tutti commossi.

IMG_3067

IMG_3069

Privacy: nelle foto sono stati sfocati i volti per il rispetto dei ragazzi, se ciò non bastasse contattatemi che saranno immediatamente rimosse.
Foto di: Rosa de Filippis
Questa voce è stata pubblicata in Speleologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.