Chiavica di Ulferino

Le nostre esplorazioni da un po’ di tempo a questa parte si sono concentrate a Campo Soriano, questa grotta è una delle tante trovate in zona, il nome nasce da quello del signore che ce l’ha indicata.

Si tratta di una lunga frattura profonda 49m divisa in due pozzi, di cui 9m circa il primo e largo almeno 3m, alla base molta immondizie e ossa di decine di animali, dall’odore anche recenti,

il secondo che si apre ad uno delle estremità è di 40m ma largo mediamente 30-50cm.

La prima volta che l’abbiamo scesa, solo uno di noi ha avuto il coraggio di calarsi nel secondo pozzo, Stefano DS (detto Astico) mancando il fondo di una decina di metri, causa corda corta.

Torniamo un mese dopo con noi tra gli altri c’è Fabrizio F ed anche lui entra, secondo dopo Astico che si arma tutto il pozzo e tocca il fondo, non senza difficoltà, perche se è vero che gli ultimi 10m sono larghi almeno 2m, le pareti però sono ricoperte da uno spesso strato di fango impedendo ogni armo sicuro.

Sul fondo uno stretto pertugio in cui si avverte circolazione d’aria chiude la grotta, risaliti lasciano armato.

Son passati altri trenta giorni, con difficoltà si trovano persone disposte ad entrare in quel buco fetido, bisogna vedere se si riesce a forzare il pertugio a suon di mazzettate, con la speranza di una prosecuzione o comunque rilevare e se va male disarmare.

Entra per primo Astico che precedentemente aveva modificato l’armo di partenza per agevolare l’uscita e poi non senza averci pensato più e più volte io.

Tutto sommato non è poi così stretto, ma superato il primo frazionamento mi incastro, l’ansia mi pervade, anzi mi domina e soccombo, mi fermo e quando riprendo possesso di un po’ di lucidità decido di risalire, lasciando solo anche questa volta Astico.

Astico Il vero autore di questa esplorazione

Non citati in precedenza, hanno partecipato anche: Gianni, Maria P, Maria F, Veruska, Fabio, Fabrizio T, Laura.

 Un breve video….

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Speleologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.